DEDICATO AI GIOCHI DI RUOLO D'ISPIRAZIONE TOLKIENIANA 

 

menù -->

gdr / download

tolkien

TAVERNA

rubriche

LA CREW

info

SOTTOmenù -->

AVVENTURE & Co. INCONTRI

HUMOR

PG & Co.

 

RUBRICHE

...:: I FILM DI PETER JACKSON ::...

 

LA VERA SCENEGGIATURA DEL SECONDO EPISODIO DELLA TRILOGIA CINEMATOGRAFICA DI PETER JAKSON

 

Girovagando per la rete ho scovato questo imperdibile documento contenente l'esilarante (a dir poco) sceneggiatura del secondo episodio della famosa trilogia cinematografica di Peter Jackson.

Eccezionale.

 

Possa il Signore Iddio perdonarti per i tuoi cambiamenti rispetto al libro, Peter Jackson …

PERCHÉ IO NON LO FARO!

 

Il film inizia con il panorama di alcune montagne. All’improvviso veniamo proiettati in un fantastico TEASER DI JAMES BOND, dove GANDALF e il BALROG invece che cadere da un aereo cadono in una spaccatura senza fine. Volano spadate, fiammate e lampi in un combattimento aereo senza precedenti.

PLATEA: WHOA!

A un certo punto qualcuno fa due conti, e si rende conto che tutto ciò accade mentre, nel primo film, il resto della Compagnia dell’Anello PIANGEVA E SI DISPERAVA. Vabbè.

Inizia il film vero e proprio. FRODO e SAM, nella strada verso MORDOR, si sono imbattuti in GOLLUM, e sono riusciti a prenderlo prigioniero.

SAM: Ma e´ E.T. con la depressione!

FRODO (con aria saggia e triste): No, Sam. Questa creatura un tempo era un hobbit come noi, che e´ stato distrutto dal potere dell’Anello, ed io voglio recuperarlo. Per questa ragione gli darò fiducia e lo chiamerò SMEAGOL.

SAM (confuso): E perché?

FRODO (consultando testi di CARL GUSTAV JUNG in numenoreano): Perché se sapremo accettare la sua "Ombra" psichica, chiamata Gollum, essa sarà portata alla luce, e la COSCIENZA HOBBIT Smeagol potrà confrontarsi con essa in modo non conflittuale, ma positivo e costruttivo. Quindi accetteremo Gollum come compagno e lo porteremo con noi rivolgendoci a lui come SMEAGOL

GOLLUM per la prima volta da secoli SORRIDE! FRODO mette via il libro e tira fuori una ricevuta.

FRODO: Fanno dieci monete d´oro. Torna la settimana prossima.

GOLLUM (sibilando) Padrone infido. Padrone traditore. Grrrr.

In qualche modo i tre giungono a un accordo, e GOLLUM promette che li condurrà al CANCELLO NERO DI MORDOR senza fare scherzi.

LEGOLAS, GIMLI e VIGGO MORTENSEN stavano intanto inseguendo nelle terre di Rohan gli URUK-HAI che avevano rapito MERRY e PIPINO. Dopo un incontro con i CAVALIERI DI ROHAN capitanati dal coraggioso EOMER, i tre giungono alla FORESTA DI FANGORN. Gli uruk-hai sono stati sterminati dai cavalieri, e bruciati in una pira fumante.

VIGGO (calciando un elmetto e uccidendo un microfonista fuori campo):
DANNAZIONE!

Guardando a terra si accorge pero´ di qualcosa di strano.

VIGGO: Ma cosa sono queste FRECCE FLUORESCENTI con su scritto PERCORSO DI FUGA DI MERRY & PIPINO in brillantini? Sembrano condurre verso la foresta!

GIMLI: Ah! L´istinto dei Raminghi!

I tre si addentrano nell’antica foresta di FANGORN. La tensione e´ altissima, quando all’improvviso appare LA MADONNA DI LOURDES.

VIGGO (a bocca aperta): Non può essere.

MADONNA DI LOURDES: Certo che non può essere, idiota! Credi che la Madonna di Lourdes parli con le voci di IAN MCKELLEN e CRISTOPHER LEE insieme?

GIMLI (scoprendosi il capo): Un messaggio sacro!

Sconfortata, la MADONNA DI LOURDES decide dunque di rivelarsi come GANDALF IL BIANCO.

PUBBLICO DI MOULIN ROUGE: AaaaaaaAAAAAAAAaaaaaah!

VIGGO: Gandalf! Al di la´ di ogni speranza tu torni a noi! Ma perché le luci stronze?

GANDALF: Ho lottato contro il Balrog, e ho vinto, e poi mi e´ apparso un monolito nero, che invece è diventato bianco, e poi e´ arrivato il Capitano Stellar delle Pleiadi, e... (nota le facce gli altri tre) Insomma, eccomi qui! Non preoccupatevi per Merry e Pipino, sono al sicuro con un albero che cammina! (gli altri tre ripensano al Capitano Stellar e si scambiano un’altra occhiata). Noi invece dobbiamo cavalcare subito verso EDORAS la reggia di THEODEN, RE DI ROHAN, ove si aggirano impostori e figure non richieste!

I quattro partono dunque verso EDORAS

MERRY e PIPINO, nel frattempo, avevano infatti incontrato durante la loro fuga uno strano ALBERO PARLANTE, un ENT chiamato BARBALBERO. Dopo qualche discussione, l´albero accetta di portarli con se nella sua dimora.

MERRY (sfogliando la sua copia in hobbit del "Signore degli Anelli") E quando arriveremo là povera Isengard!

Nel frattempo nella collinosa reggia di EDORAS le cose vanno davvero poco bene. Il coraggioso capitano EOMER e´ stato esiliato. Il saggio RE THEODEN e´ stato posseduto dallo spirito di LINDA BLAIR, inviato dal CONTE DOOKU di Isengard, e straparla. Il suo fido consigliere BRAD DOURIF cerca di approfittare della situazione per concupire laidamente la bella PRINCIPESSA EOWYN interpretata da MILLA JOVOVICH.

BRAD DOURIF: Il re è finito in un altro film, tuo fratello è esiliato e noi siamo soli. Giochino giochino! Che si fa? Il primo che indovina vince un bel premiozzo, mia bella pelosina! Ehehehe!

MILLA CHE FA EOWYN tace.

Stacco, la mattina dopo all’lba. BRAD DOURIF giace col collo rotto in fondo alle scale. In cima alle stesse MILLA si dispera.

MILLA CHE FA EOWYN: Che disgrazia assurda. Scivolare sul mio te!

TIM CURRY NEI PANNI DEL CAPO DELLE GUARDIE: Non tormentatevi così, principessa! Voi non avete nessuna colpa!

PROTAGONISTA DI C.S.I. CHE STA ESAMINANDO VERMILINGUO: Uhmmmmmmm.

MILLA CHE FA EOWYN (tirando fuori di tasca un pergamenone con un sigillo palesemente ritagliato dalla confezione del TOBLERONE): Ma fortunatamente egli ha fatto in tempo a lasciare le sue ultime disposizioni! Marceremo tutti su Isengard, ove massacreremo il CONTE DOOKU e gli uruk-hai, e balleremo al suono del loro rock-n-troll!!

POPOLO DI ROHAN ASSETATO DI SANGUE: EYUOAAAAAAARGH!!!

Improvvisamente su MILLA CHE FA EOWYN si staglia una TETRA OMBRA. MILLA si fa piccola piccola.

PETER JACKSON (cupo come un Nazgul): Beh? Ma il colpo di stato qui non doveva farlo Saruman?

MILLA SMASCHERATA: Ecco.

Degli assistenti di scena trascinano via MILLA, che resiste, morde e graffia, mentre altri mettono al suo posto MIRANDA OTTO e riaggiustano BRAD DOURIF

MILLA PORTATA VIA: Possa il Signore Iddio perdonarti per i tuoi cambiamenti rispetto al libro, Peter Jackson, PERCHE´ IO NON LO FARO!

BRAD DOURIF: Dove eravamo? Ah, si´, al giochino.

MIRANDA OTTO: Sei malvagio e crudele, sob, e oltretutto mi hai fatto bruciare le brioche, sigh, buah.

PLATEA (tirando pop corn contro lo schermo): MA CHI LA VUOLE ´STA PANETTIERA? RIPORTATECI INDIETRO LA FIGONA DELL´OREAL!! VOGLIAMO SANGUE!!
(fischi)

Mentre accadevano tali cose, alla reggia sono arrivati GANDALF, GIMLI, LEGOLAS e VIGGO. I quattro vengono invitati a lasciare le loro armi all’ingresso.

PORTINAIO: Anche il vostro bastone, messer mago.

GANDALF: Suvvia, buon portinaio! BRAD DOURIF può stare al cospetto del Re con due stampelle e un collare ortopedico, e tu vuoi negare a un vecchio il suo bastone?

PORTINAIO; Vabbè.

GANDALF entra nella reggia, e come prima cosa cala il suo bastone in testa a BRAD DOURIF e a THEODEN, mentre gli altri tre massacrano di botte alcuni tipi che avevano l´unica colpa di essere vestiti di nero. GANDALF si erge quindi in tutto il suo splendore.

GANDALF: VATTENE! NON HAI ALCUN DIRITTO DI RESTARE QUI! LIBERA QUESTI LUOGHI DALLA TUA PRESENZA! VIA! E´ IL POTERE DEI VALAR CHE TE LO COMANDA!

MILLA JOVOVICH (uscendo da sotto un tappeto): E va bene. E VA BENE! L´ho capita, sapete? Peggio per voi, non mi vedrete mai più! (se ne va tra sguardi allibiti)

GANDALF (sfogliando una copia in elfico del "Signore degli Anelli"): Questi cambiamenti saranno la mia morte.

THEODEN: Ma. Mi sento come risvegliato! Stavo facendo un sogno dove la mia amata Eowyn era. (Quattordici tra attori e maestranze si precipitano a tappare la bocca del re).

MIRANDA OTTO: Mio Re! Siamo ai tuoi ordini! Comanda e avrai ciò che desideri!

THEODEN: Vorrei una brioche!

VIGGO MORTENSEN: Sire, con tutto il rispetto abbiamo affari più urgenti di cui occuparci.

VIGGO bisbiglia qualcosa all’orecchio di Theoden, ed ecco BRAD DOURIF che vola fuori dal palazzo e in fondo alle scale, questa volta insieme alle stampelle.

BRAD DOURIF: EYAAAARGH!

PROTAGONISTA DI C.S.I.: La ricostruzione del crimine mi sembra ottima.

LEGOLAS (rivolto a VIGGO): Ma che gli hai detto?

VIGGO: Che voleva scoparsi Milla Jovo. Cioè. (si morde la lingua). Ma cazzo! Vabbè, ci siamo capiti lo stesso.

THEODEN: Vattene, infame serpe! E comunica al tuo Padrone che Re Theoden non se ne starà con le mani in mano mentre il suo regno AFFONDA!

Per qualche ragione si sentono delle RISATE REGISTRATE. Il popolo di Rohan appare comunque convinto e felice, e la storia ritorna quindi ai nostri FRODO, SAM e GOLLUM, che nel frattempo hanno raggiunto il CANCELLO NERO DI MORANNON, PORTALE DI MORDOR.

SAM: Oh salvaci. sembrano le saracinesche del LINGOTTO DI TORINO.

FRODO: E´ cosi´, Sam, e di questi tempi e´ più facile uscirne che entrarci.
Ma dobbiamo provarci comunque!

GOLLUM: Se Gollum dice al Padrone che c´era una strada più facile e sicura, il Padrone si incazza?

FRODO: Le probabilità sono estremamente elevate.

GOLLUM: Allora Gollum non lo dice.

SAM: Dunque, questa e´ l´unica strada. Andiamo!

FRODO e SAM rovinano giù da una scarpata ripidissima facendosi malissimo.
Contemporaneamente, mettono in allarme una colonna di fanteria di Mordor, fanno suonare i corni del cancello, alzare in volo cinque Nazgul, attivare le torrette antiaeree lungo tutto Mordor e schierare la Terza Divisione SS "Totenkopf" a difesa dell’intera regione. A fatica, pesti, feriti e zoppicanti, i due tornano su.

FRODO: No, Smeagol, no. Il Padrone non si arrabbia.

Intanto THEODEN ha deciso di portare donne, vecchi e bambini al FOSSO DI HELM, un’antica fortezza di Rohan che sarà senz’altro uno dei primi bersagli militari in caso di guerra, mentre GANDALF galoppa via cercando di recuperare le forze esiliate di EOMER. Durante il viaggio MIRANDA OTTO si avvicina incuriosita a VIGGO MORTENSEN.

MIRANDA OTTO: Prode e misterioso guerriero per il quale il mio petto gia´ ansima, come mai quello sguardo corrucciato? Quale ombra ammanta il vostro cuore?

VIGGO MORTENSEN: (pensato) L’ammanta il fatto che la stessa cosa poteva dirmela Milla Jovovich (detto) E’ che non ho capito se il mio grande, vero, unico e immortale amore è partito per i Porti Grigi o no, e quindi non so se e quando potremo scopare.

MIRANDA non sa che dire, il che comunque non frega nulla a nessuno perché a quel punto arriva una vedetta in preda al panico.

VEDETTA IN PREDA AL PANICO: ORCHETTI SU IENE MANNARE! ORCHETTI SU IENE MANNARE!

RE THEODEN (colto alla sprovvista): Ma da quando?! Nella mia copia del libro (in lingua di Rohan) non ci sono mica! Ma chi e´ quell’imbecille che.!

Ma intanto LEGOLAS ha gia´ ha teso il suo maestoso ARCO DI GALADRIEL! Si sente un ruggito misto a una fiammata, e dall´arco parte una FRECCIA PROIBITA DAGLI ISPETTORI ONU. Dopo tre quarti d´ora, a dieci chilometri di distanza, muore colpito al petto uno che non c´entrava nulla. Nel frattempo la CAVALLERIA DI ROHAN e´ arrivata al galoppo.

CAVALIERI DI ROHAN: ADDOSSO! L´INCONTRO E´ IMPREVISTO, MA SONO COMUNQUE PUNTI ESPERIENZA!

Si accende la mischia. Durante la battaglia VIGGO MORTENSEN rimane impigliato a una IENA MANNARA che ha deciso di suicidarsi saltando da un burrone. VIGGO si lascia trascinare tutto tranquillo, rollandosi perfino una sigaretta.

VIGGO: Niente paura, in questi casi l´eroe se la cava sempre, basta guardare I PREDATORI DELL´ARCA PERDUTA.

VIGGO e la IENA MANNARA volano oltre il burrone. Curiosamente, si salva invece l´orchetto che la cavalcava.

VIGGO: MA PORCO DI QUEL VALAR MAIAL. (il resto si perde nel precipizio).

THEODEN, LEGOLAS e GIMLI (con aria abbattuta, e tenendosi l´elmo sul petto):
Non crediamo che i Valar ascolteranno la sua ultima invocazione. (scuotono la testa e rimontano a cavallo).

Intanto, la GENTE DI ROHAN guidata da MIRANDA OTTO, e´ arrivata sana e salva al FOSSO DI HELM, giacche´ "L´ASTUTO STREGONE DI ORTHANC" non aveva tenuto cinque-orchetti-cinque di riserva per attaccarla mentre i cavalieri erano impegnati in battaglia. I profughi vengono accolti da coloro che già si erano rifugiati nella fortezza.

RIFUGIATI: Evviva! Sono arrivate le brioche!

Arrivano anche i cavalieri superstiti, e MIRANDA è colta da ansia.

MIRANDA: Non vedo Viggo! Che e´ accaduto?

LEGOLAS: Ahime´! Egli e´ caduto in un baratro, e purtroppo non insieme a un Balrog, quindi pensiamo che le speranze siano poche.

MIRANDA: E dite. Ha detto qualcosa di me prima di cadere?

LEGOLAS e GIMLI ci riflettono molto seriamente.

GIMLI: Forse si!

VIGGO, ovviamente, non e´ morto, ma e´ caduto in un fiume che passava proprio di li´ in quel momento. L’EPOCALE SPANCIATA che ha preso lo ha pero´ steso, e ora galleggia come morto. Fortunatamente sulla scena arriva lo SPIRITO DI LIV TYLER.

SPIRITO DI LIV TYLER: Ecco il bacio che ti rida´ la vita (mostra a Viggo la Sacra Spada Narsil riforgiata) ed ecco lo spiedo che ti ritrovi nel culo se pensi ancora solo una volta a quella la´. E SAI BENE DI CHI PARLO!

SPIRITO DI PETER JACKSON: CAPITO?!

VIGGO (rinvenendo): Quest’esperienza tra la vita e la morte ha improvvisamente illuminato molte cose nel mio cuore incerto!

Gia´ che se n’è parlato, ci viene la curiosità di tornare a Gran Burrone, mentre in basso sullo schermo appare la scritta PRODUCT PLACEMENT.

AGENTE SMITH (mostrando una confezione di confettura grande come un bidoncino del latte): Per un Gran Burrone, un GRAN MARMELLATONE!

NO-GLOBAL TRA LA PLATEA: Buuuh! Fiiiiih!

L´AGENTE SMITH è incazzato con sua figlia LIV TYLER per via della vita sentimentale di lei.

AGENTE SMITH: Tutte le volte che penso a te e quello là insieme, VEDO BLU.

LIV TYLER (ascoltando col walkman l´ultimo disco degli AEROSMITH): Che palle, papa´!

AGENTE SMITH: Come osi parlarmi cosi´!?

LIV TYLER: Ma no, dicevo del disco.

VIGGO arriva dunque anche lui al FOSSO DI HELM, ove tutti si preparano per la grande battaglia. Nel frattempo il CONTE DOOKU e BRAD DOURIF complottano.

BRAD DOURIF: Le mura del Fosso di Helm sono imprendibili, tranne per un particolare: una condotta progettata dagli architetti della fortezza proprio appositamente per metterci delle mine!

CONTE DOOKU (stupefatto): Incredibile! Di solito supercazzate di questo genere le facciamo noi cattivi, tipo progettare fortezze siderali con la luce di scarico che basta un siluro a far saltare tutto!

BRAD DOURIF: Stavolta no! Ora pero´ ci manca un esercito! Se solo vi foste tenuto da parte un po’ delle armate che avete costruito per quella Federazione dei Mercanti.

CONTE DOOKU: "Se solo"?! Per quale motivo credi che i Mercanti de "L´Attacco dei Cloni" hanno preso tutte quelle botte alla fine?

BRAD DOURIF CAPISCE e una lacrima di commozione gli solca la guancia. Il CONTE DOOKU esce sul balcone della torre. Vista la fine che ha fatto l´ultimo esercito, completamente in CG, questa volta ha comunque deciso di assoldare anche qualche comparsa in carne e ossa.

CONTE DOOKU: Orchetti di Isengard! Re Theoden ha fallito nella sua promessa di dimostrare che non possiede armi chimiche! A quest´ pruvucazzione nun c´e´ che ´na rispost. VIUUUULENZ!!!!!

PUBBLICO DELLO STADIO DI AUKLAND REGISTRATO DA PETER JACKSON E SOVRAPPOSTO ALLA COLONNA SONORA: UAAAAAAAAAARGH!!!

PLATEA: Ehi, ma ha ragione! In effetti Re Theoden non ha mai fornito alcuna prova che Rohan NON HA armi chimiche! Ma tu guarda ´sti stronzi - e ce li facevano pure passare per i buoni!

FARAMIR: Parlando di stronzi.

PETER JACKSON: Adesso arrivi anche tu, tranquillo!

Infatti nel frattempo, FRODO, SAM e GOLLUM sono giunti nella verde contrada dell´ITHILIEN in cerca della strada alternativa. All’improvviso una colonna di GUERRIGLIERI TALEBANI accompagnata da ELEFANTI GENETICAMENTE MODIFICATI taglia loro la strada. Prima che i nostri possano reagire, però, alcuni MARINE armati di archi sterminano sia i TALEBANI che gli ELEFANTI. A guidarli e´ il CAPITANO FARAMIR, fratello di BOROMIR.

FRODO: Nobile Capitano Faramir, la vostra apparizione è una benedizione. Il libro infatti dice che Voi rappresentate il contraltare di vostro fratello BOROMIR, l´incarnazione della nobiltà e di tutto ciò che sia il soldato che il cittadino possono amare in un Capitano di Uomini!

Gli uomini di Faramir prendono Frodo e Sam, li mettono in un sacco, li riempiono di legnate, li bendano, li legano, li prendono ancora un po’ a calci e infine li gettano in una cella a GUANTANAMO.

SAM (alzando una mano): Non parlate, Padron Frodo. Lo so. E´ l´Anello che vi fa dire quello che dite.

FRODO (scuotendo la testa con gli occhioni pieni di tristezza): No Sam. Non e´ l´Anello. E´ la sceneggiatura.

Ci stavamo scordando di Merry e Pipino! E intanto anche da loro le cose si sono sviluppate: i due hobbit hanno raccontato agli ENT cosa sta avvenendo nel mondo, e della malvagità del CONTE DOOKU, e una ventina di PASTORI DI ALBERI amici di BARBALBERO è ora radunata in concilio per decidere una posizione politica.

PIPINO: Purché non facciano un girotondo.

MERRY: Tranquillo Pipino, possiamo rilassarci! Infatti il libro racconta chiaramente di come ora gli Ent decideranno di disintegrare Isengard. Yu-hu!

Passano QUATTRO MESI, fatto che ci mostra come PETER JACKSON stia utilizzando una sofisticata TECNICA ASINCRONICA nel suo montaggio alternato, ed e´ quindi un regista fichissimo. Alla fine BARBALBERO torna dagli Hobbit.

BARBALBERO: E-hum. Ci siamo detti: "Salve! Come va? Allora, siamo qui riuniti per un´importante decisione".

MERRY: QUATTRO MESI per dirvi questo?!

BARBALBERO: Che vuoi, questi sono i tempi di noi Ent. Comunque, non attaccheremo Isengard, perché i tre quarti di noi sono lontani occupati a mandare avanti i PROCESSI CONTRO BERLUSCONI.

MERRY tira la sua copia del libro scritta in hobbit contro un albero li´ vicino.

ALBERO: AHI! Che c´entro io?

PIPINO viene colto da un´idea.

PIPINO: E se si scoprisse che il CONTE DOOKU sta bruciando e devastando la foresta che si trova sotto la vostra cura?

MERRY (tetro): Pipino, se accadesse davvero gli Ent lo saprebbero per primi!

PIPINO: Perché, in questo film tu ti fidi ancora di quello che dice il libro?

MERRY ci riflette seriamente.

MERRY: Mi e´ venuta un´idea: andiamo un attimo tutti a Isengard a vedere cosa succede la´!

Intanto al FOSSO DI HELM la situazione è critica.

CAPO DELL’INTELLIGENCE DI THEODEN: Noi abbiamo solo vecchi, bambini e Miranda Otto che crede di saper combattere, mentre il nemico ci supera di venti a uno, e ha le portaerei ROOSEVELT e INDEPENDENCE schierate nel fiume Isen.

RE THEODEN: Chiederò all’ONU un´altra risoluzione! Funziona sempre!

In quel momento arriva alla fortezza una divisione di ELFI NAZISTI, capitanata da HALDIR.

HALDIR: Siamo venuti a onovave l´antico patto tva gli elfi e il covaggioso popolo dei cavalli!

ISPETTORI ONU: Re Theoden fa chiaramente uso di truppe non previste dal libro, e quindi l´attacco terrestre e´ giustificato!

OTTO MILIARDI DI URUK-HAI assaltano le mura del Fosso, ovvero il numero minimo calcolato dagli strateghi di Isengard per sopravvivere alla prima bordata delle frecce di LEGOLAS. Si accende un mischione pauroso in cui accade di tutto!

RE THEODEN: Non importa! Tanto nessuno ha mai sfondato le mura del Fosso! (le mura saltano in aria grazie alle MINE DA U-BOAT del CONTE DOOKU e all’azione commovente e gloriosa di un singolo uruk-hai; sotto al trucco da orchetto alcuni riconosceranno BEN CROSS).

URUK-HAI: ADRIAAAANAAAA!!!!! (BOOOOOOOOOOOM!!!)

RE THEODEN: Vabbè! Tanto nessuno e´ mai entrato nella fortezza principale!

(gli uruk-hai sfondano, grazie a tattiche degne di RUSSEL CROWE ne IL GLADIATORE)

LEGOLAS (colto da un´idea improvvisa): Nessuno ha mai imbavagliato il Re!

TUTTI guardano Theoden.

RE THEODEN: Ho un´idea migliore! Carichiamo a cavallo alla spera in dio!

VIGGO: Tutto purché non Miranda.

Si scatena un grande contrattacco a cavallo, durante il quale i cavalieri scoprono una cosa meravigliosa: CHE AGLI URUK-HAI IN CG CI SI PUO´ PASSARE IN MEZZO! All’improvviso sorge il sole, e Gandalf appare all’orizzonte est.

TUTTI: Evviva e´ tornato Gandalf, il Bianco Cavaliere! Evviva Gandalf! Ora caricherà con i rinforzi!

GANDALF perde invece mezz´ora a fare scene equestri stagliato controluce.

VIGGO (rivolto a LEGOLAS): Tira un missile contro quell’imbecille!!

Fortunatamente GANDALF, che ha portato con se EOMER, si decide infine a caricare gli uruk-hai sul fianco, e il risultato del susseguente massacro e´ talmente scontato che neppure ce lo fanno vedere. In quello stesso momento gli ENT, che GUARDA UN PO’ hanno scoperto che il CONTE DOOKU bruciava e devastava alberi, stanno facendo a pezzi Isengard.

CHRISTOPHER LEE (guardando la scena rassegnato, con la guancia appoggiata a una mano): Sessant’anni di onorata carriera a fare il cattivo mi hanno insegnato a non prendermela.

BARBALBERO: Allagate tutto e distruggete in un attimo mesi di fatiche immani!

CHRISTOPHER LEE: Ma si.

Intanto FRODO, SAM, GOLLUM, FARAMIR e i SOLDATI DI GONDOR sono giunti sul set de IL NEMICO ALLE PORTE.

FARAMIR (rivolto a uno che assomiglia curiosamente a un tizio che c’è sempre in tutti i film di "Guerre Stellari"): Portate questo mezz´uomo a mio padre Denethor, e dite che suo figlio Faramir gli invia una grande arma della quale gli Ispettori dell’ONU non sanno nulla!

SAM: Brutto stronzo! Siete proprio uguale a vostro fratello! Se Frodo non getta l´Anello nel Monte Fato saranno guai per tutti, e guardate voi che casino che ci combinate!

TUTTI GLI UOMINI DI GONDOR E TUTTE LE SPIE DI SAURON PRESENTI SULLA SCENA: COSA?!? Questo mezz’uomo e´ in possesso dell’Anello Dominante e lo sta andando a gettare nel Monte Fato?? INTERESSANTE!!

Intanto FRODO, completamente in palla, offre l´ANELLO DEL POTERE a un Nazgul che stava pattugliando la NO-FLY-ZONE sopra Osgiliath. Lo spettro resta pietrificato dallo stupore.

NAZGUL: Ma come? Io il "Signore degli Anelli" lo so a memoria, e a ´sto punto della storia Frodo è a Cirith Ungol, mica a Osgiliath!

Mentre il NAZGUL sfoglia freneticamente una copia del libro (scritta in Linguaggio Nero) per vedere chi ha ragione, SAM si butta addosso a FRODO, e FARAMIR centra con UNA freccia la bestia volante del Nazgul.

BESTIA VOLANTE: AHIO! Ma sei scemo? Nel contratto c’era scritto che dovevo sorvolare il set e terrorizzare delle comparse, e invece qui spuntano anelli del potere, guerrieri incazzati, volano frecce vere. Avrete notizie dal mio sindacato!

La BESTIA VOLANTE se ne va portandosi via il NAZGUL ancora immerso nella lettura. FARAMIR si avvicina a Frodo.

FARAMIR: Stavo sbagliando tutto. Ma quando ti ho visto regalare l´Anello al primo Nazgul che passa ho capito che il mio dovere è mandarvi da soli a Mordor accompagnati da uno schizofrenico. (Rivolto ai suoi uomini) Liberateli!

LUOGOTENENTE DI FARAMIR: Ma Capitano. Cosi´ rischierete la vita! Infatti a Gondor c’è una legge molto precisa vecchia di tremila anni che dice che se un Hobbit di nome Frodo Baggins trovato nell’Ithilien e per caso in possesso dell’Anello Dominante dovesse essere liberato, chi lo farà sarà messo a morte.

FARAMIR: Amen, vabbè!

FRODO, SAM e GOLLUM vengono quindi liberati. GOLLUM complotta tra se´.

GOLLUM: Ho un’idea! Porteremo i mocciosi hobbit da LEI. E dopo che LEI li avrà sistemati prenderemo l´anello. Eh, si´, che bella idea, perché´ LEI sa come si tratta con gli stupidi mocciosi!

LETIZIA MORATTI: Perché mi fischiano le orecchie?

Il MONTE FATO erutta, il che e´ comprensibile visto che è un vulcano, e pure la TORRE NERA DI BARAD-DUR erutta, e qui la cosa è gia´ più inquietante, visto che un vulcano non e´. Ma prima dei titoli di coda c´e´ ancora tempo per MIRANDA OTTO che decide di spoilerare una cosa del terzo film.

MIRANDA OTTO: Completamente travestita da uomo, con il volto celato da un elmo, e nascosta da un incantesimo dell’invisibilità´, cavalcherò anch’io verso Gondor, soddisfacendo cosi´ il mio desiderio di combattere insieme alla mia gente.

POPOLO DI ROHAN: Evviva! Dama Eowyn parte per Gondor! E con un bellissimo stendardo! Forza Dama Eowyn, suonagliele sode!! (piovono rose)

PETER JACKSON: Ma. come fanno a saperlo? E’ IMPOSSIBILE! Miranda Otto e´ completamente nascosta.

PETER JACKSON CAPISCE

PETER JACKSON (correndo verso i cavalieri in partenza): FERMI! FERMATELA! FERMIIII.!

LA VOCE DI PJ SI SPEGNE IN LONTANANZA.
DISSOLVENZA IN NERO TITOLI DI CODA

 

Possa il Signore Iddio perdonarti per i tuoi cambiamenti rispetto al libro, Peter Jackson …

PERCHÉ IO NON LO FARO!

 

"Girsa crew" non è stato creato per fini di lucro.

Non è nostra intenzione infrangere alcuna legge sul "copyright" e per tanto è vietato riprodurre

il materiale e/o il contenuto presente su queste pagine per scopi commerciali

Tutti i nomi, i marchi e i logo appartengono ai legittimi proprietari.