Kings of Crew
IL TORNEO NAZIONALE DI GIRSA

Chi siamo GiRSA Archivio Links Guestbook Contatti

“il destino è ineluttabile…
e si preparò alla guerra!"

 

 

I commenti

in pillole:

 

__________

 

  Lorenzo   

Mi sono divertito tantissimo!!! 

__________

 

  Monfa 

Epico! Non si sono altri appellativi per il KoC 2010.

__________

 

  Erundur   

GRAZIE DI ESISTERE!

__________

 

  Grimbeorn   

Il Maso non mi ha mangiato, ma un po' di mazzate amichevoli me le ha tirate.

__________

 

  Renemiele   

Era veramente parecchio che non mi divertivo così!

__________

 

  Geko   

Voi non sapete cosa (o chi?) si cela dietro le colonne della Tana il venerdì notte...

__________

 

 Olaf Forte Braccio  

E' stato un susseguirsi di emozioni e sentimeni talmente importanti che non riesco a ridurli in semplici parole. 

__________

 

  Napo   

Ma il cinghiale dov'è? 

__________

 

  Tyrande   

Ogni volta diventa sempre più difficile dirvi arriverderci.

__________

 

  Faleen  

Quanto ci siamo divertiti!

__________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Locandina  

Clicca qui per vedere la locandina del torneo 2010.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi i commenti completi sul forum

Forum Girsa Crew

  

 

Kings of Crew 2010

Ascolta l'audio originale dell'intro.
Voce narrante Tiziano "Tix the Voice" Cervati.


Il Destino è ineluttabile.
Fuoco e vento provengono dagli Dei ed essi dimorano in luoghi lontani, inaccessibili ai mortali. Ma il Grande Spirito, che vive nella steppa immensa e sulle alte montagne, nei mari profondi e sulle vaste pianure, è il nostro Dio.
Io ho ricevuto il Dono, nel mio cuore il Grande Spirito invia le sue visioni per guidare il suo popolo tra i pericoli della steppa e gli inganni dei nemici. Il Maestro mi narrò che un tempo i Giganti vivevano sulla Terra e nell'oscurità del caos ingannarono gli Dei e sottrassero loro il mistero dell'acciaio. Essi si adirarono: la terra tremò e fuoco e vento si abbatterono su quei Giganti, scagliando i loro corpi nelle profondità della terra e tra gli abissi del mare. Ma nel loro furore gli Dei si dimenticarono del segreto dell'acciaio, lo lasciarono sul campo di battaglia e Uomini arditi lo trovarono.
Non gli Dei, né i giganti. Solo gli Uomini e tra essi un grande condottiero.
Egli riunì tutti Clan del Popolo della Steppa e mosse guerra ai potenti regni che prosperavano lontano dalle pianure, li dove il Sole tramonta. Il suo esercito era potente, una moltitudine di guerrieri che lo acclamavano e ne seguivano gli ordini. I loro cavalli volavano come il vento nelle pianure. Perché lui era il Tarkhan, il Signore di tutti i Clan del Popolo della Steppa: il suo sguardo era inflessibile ed il suo braccio vigoroso impugnava la Lama Nera, forgiata dai Giganti quando il Mondo era giovane.

Ma il Destino è ineluttabile ed il tempo della Fratellanza dell’Est non era ancora giunto … e fu per questo che gli Uomini dell’Ovest ebbero la meglio. Tutto sembrava finito: il Tarkhan era caduto, la Lama Nera scomparsa e la Fratellanza dell’Est dispersa.

Il tempo passò, i giorni divennero stagioni e le stagioni divennero anni. Solo i Saggi non scordarono la storia del Tarkhan e delle sue imprese, e la tramandarono di generazione in generazione raccontandola intorno ai fuochi degli accampamenti che si muovevano nelle vaste pianure dell’oriente.
I Clan tornarono a dividersi ed a combattere fra loro per assicurarsi i pascoli migliori. L’antica brama sulle ricche e fertili terre dell’Occidente si spense, lentamente sostituita dalle spietate leggi della Steppa, dove solo i forti sopravvivono ed il poco cibo deve essere duramente conquistato con le armi.
Ma il popolo degli Uryankhi sopravvisse e prosperò, i suoi pascoli divennero vasti e fecondi ed i suoi carri numerosi come le stelle nel cielo. I suoi guerrieri incutevano timore tra i nemici e nessuno osava affrontarli perché la loro ira era terribile.

Tutto procedeva secondo il volere del Grande Spirito, finché alle orecchie degli Uryankhi non giunsero le prime notizie dall’estremo Est: un grande condottiero impugnava di nuovo la Lama Nera e chiamava a raccolta i Clan per una nuova Fratellanza, più grande e più forte che mai. Molti Clan dell’Est risposero all’appello del nuovo Tarkhan e quelli che non lo fecero furono assoggettati con la forza delle armi… con la guerra.

La guerra: l’unico vero modo, per il Popolo della Steppa, di gustare appieno il sapore della vita!
La steppa immensa, un veloce cavallo, il vento che ti stordisce. Schiacciare i nemici, inseguirli mentre fuggono, ascoltare i lamenti delle femmine. Questo è ciò che vede un guerriero del Popolo della Steppa dal giorno in cui i suoi occhi si aprono al mondo. Ciò che non ci uccide ci rende più forti.
Uno ad uno i clan furono riuniti sotto un’unica bandiera … ma non tutti.
Alla guida degli Uryankhi, infatti, c’era un capo saggio: i suoi occhi vedevano lontano e in profondità e seppe riconoscere la vera identità di colui il quale impugnava la Lama Nera … e ne diffidò! Più volte gli venne offerto di unirsi al nuovo esercito dell’Est ed ogni volta egli rifiutò. Non accettò mai gli inviti del nuovo Tharkhan e non si unì alla Fratellanza.

Sapeva a cosa andava incontro, ma il destino è ineluttabile… e si preparò alla guerra!

________________________________________

SUCCEDE CHE

Succede che insieme al Socio Monfa organizzi il “Kings of crew”, ovvero il torneo nazionale di GiRSA. Nazionale, si, perché alle chiamate all’Adunata, annunciate dagli Araldi della Capitale e del Bresciano, giungono prontamente risposte da Milano e dall’Abruzzo, dalla provincia di Cremona e da quella di Bergamo, da Mantova e da Torino, dal Veronese e dal Fiorentino, da La Spezia e da Trieste, dalla provincia di Piacenza, da quella di Ancona, ed ovviamente da Roma e Brescia.
Succede che insieme al Socio Monfa organizzi il “KOC 2010”, ma non è facile perché bisogna occuparsi della stesura dell’avventura, dei background dei personaggi, della campagna promozionale, delle iscrizioni, del coordinamento, della conta per il pranzo di sabato, del reclutamento dei master, delle conferme, delle defezioni, ecc…
Succede che a causa di imprevisti lavorativi parti da Roma più tardi di quello che avevi previsto ed hai la testa piena zeppa di pensieri, preoccupazioni, timori, ansie. Sei nervoso per le (troppe) defezioni dell’ultimo minuto, dove “ultimo minuto” non è semplicemente un modo di dire, per la mancanza di master, per la composizione delle squadre da rifare, per il numero di iscritti che diminuisce ed aumenta in continuazione, oscillando paurosamente con il passare delle ore.
Succede che mancano meno di 24 ore al torneo e ci sono ancora tante cose da sistemare, ma per fortuna guidare la macchina per tutte quelle centinaia di kilometri che separano la Capitale da Soncino, in compagnia dei tuoi cari amici di sempre (Valandur, Tyrande ed Elyanna), ti aiuta finalmente a rilassarti e a farti immergere nel clima pre-Torneo.
Succede che mentre guidi Napo (Taurnil) ti fa dieci telefonate nell’arco di quattro ore imitato da Lorenzo (Martino), Monfa, Alex (Olaf) e il Maso. Il Maso … ringrazio i Valar perché qualcuno, un giorno, ha deciso di inventarlo! Proprio lui, il Geometra Masini, sarà il nono Master, quello mancante!
Succede che arrivi ad Orzivecchi dovendo attraversare una strada molto stretta, che ai due lati è affiancata da altrettanti canali larghi due metri, pieni di acqua, a doppio senso di circolazione, senza guardrail, il tutto sotto un acquazzone incredibile! Ma cos’era? Il Ponte di Khazad Dum … se non fosse che sotto di esso c’era l’acqua e non il vuoto (ne tantomeno le fiamme)!
Succede che arrivi in Hotel e dopo esseri dato una rinfrescata ti incontri finalmente con Monfa, Napo, Lorenzo e con qualcun altro. Poi tutti insieme si va a mangiare in un posto terrificante (per fargli un complimento) dove ci aspettano Olaf e Maso, che in corpo hanno già una discreta quantità di alcol ingurgitato per ingannare il tempo dell’attesa (erano li dalle 17 del pomeriggio!).
Ti prepari così, tra calorosi abbracci (quelli miei con Maso e Alex, per esempio) ed i rituali saluti, a gustare la tanto attesa cinghialata!
LA CINGHIALATA!
Ma … mmm … ehm … scusate, ma … dov’è la cinghialata?
Ripeto: dov’è la cinghialata?
No, dico: era stato tutto organizzato fin da dicembre (!), FIN DA DICEMBRE … ed ora? Ora dov’è questa famigerata cinghialata?
Succede che Maso è un cazzaro, anzi un Grosso Cazzaro, e la cinghialata non esiste perché è stata sostituita da un’improbabilissima portata di “porchetta alla bresciana” (no comment) che per noi abitanti dell’Urbe, abituati agli ottimi “suini arrosto” di Ariccia e dei Castelli Romani, costituisce un vero e proprio affronto!
Succede che la serata procede meravigliosamente (nonostante i “Kiss Bresciani”), tra chiacchiere ed ottima compagnia. Alla fine perdo il conto delle birre bevute, una delle quali “pagata” (o scroccata?) con la fiche (nel senso monetario del termine, che avete capito?) del Socio Olaf che si è prontamente rifatto rubandone a sua volta un’altra a non-so-chi.
Succede che poi si va a “La Tana del Drago Fumante” (dove l’indomani si svolgerà l’evento) a salutare Rita & Co. e li si beve ancora e si scopre che non si può mai sapere cosa (o chi) si nasconde dietro la Colonna della Tana a certe ore della notte (questa la capiranno in pochi).
Succede che si va a nanna (tardi) dandosi appuntamento all’indomani mattina per la riunione dei Nove Master. E alla riunione Maso stupisce tutti (in senso positivo) con la sua preparazione e la sua prontezza: una vera rivelazione! Si è preparato in pochissime ore, essendo stato investito del suo ruolo solo il giorno prima, ma dimostra di avere le idee molto chiare, nonché di avere ottime soluzioni ad alcuni piccoli punti che erano rimasti “oscuri” addirittura all’autore dell’avventura (il sottoscritto). Grande, grandissimo Maso!
Succede che è mezzogiorno passato e bisogna andare alla Tana, ‘che io e Monfa abbiamo sessanta ospiti che ci attendono! E sappiamo che ora viene il difficile! Infatti quello che per tutti i partecipanti è il momento più bello, più adrenalinico, ovvero quello dell’attesa che precede l’inizio del Torneo vero e proprio, quando ci si siede a pranzare in compagnia di tutti gli altri partecipanti, facendo conoscenza, scambiandosi informazioni, leggendo i background dei personaggi, tra un piatto di pasta ed uno di carne, tra un boccale di birra e un bicchiere di vino, ascoltando decine e decine di voci differenti, dialetti diversi, con il patos che aumenta esponenzialmente con l’avvicinarsi del “via ufficiale”, insomma quello che può essere considerato a tutti gli effetti uno dei momenti più belli dell’intero KOC per me e per il Monfa è stato il momento più difficile!
Perché?
Perché succede che all’ultimo minuto (e, lo ripeto, non è semplicemente un modo di dire) scopri che un gruppo che avrebbe dovuto esser composto da tre persone è invece composto da quattro e quindi devi “smontare” una squadra e, di conseguenza, devi rifare da capo la composizione di altri due gruppi.
Succede che qualcuno che sarebbe dovuto arrivare per il pranzo arriverà invece dopo, mentre qualcun altro che non doveva esser presente al lauto pasto si presenterà pronto ad accomodarsi al tavolo. Ed io e il Monfa non mangiamo, perché non abbiamo fame e perché nei nostri stomaci, contratti a causa della crescente ansia e dalla tensione, non c’è spazio per niente. E rimaniamo lì a dare il benvenuto a quelle che sono facce note e, soprattutto, ai moltissimi volti mai visti prima. Oppure ci sediamo intorno ad un tavolo (fuori), con la lista dei partecipanti in mano, modificando, ricomponendo, riscrivendo e correggendo le liste in base alle ultimissime novità (defezioni/aggiunte). Alex (Olaf) è sempre al nostro fianco, seduto al sole, apparentemente tranquillo, indossando le cuffie dell’iPod, con i fogli dell’avventura in mano, che cerca continuamente di rassicurarci, ripetendoci “Andrà tutto bene, verranno tutti, è ancora presto, non vi preoccupate …”. E’ un’ottima persona il Buon Olaf, davvero una grande persona e la sua presenza per noi è confortante, soprattutto nei momenti in cui credi che le viscere ti si siano liquefatte, perché ti rendi conto che inizia ad esser tardi e non tutti sono arrivati, perché pensi che qualcuno alla fine possa non venire (senza avvertirti), perché ti rendi conto che il pranzo che è appena iniziato sarebbe in realtà dovuto essere quasi finito. “Andrà tutto bene, verranno tutti, è ancora presto, non vi preoccupate …” ci ripete Alex e noi cerchiamo di convincerci che abbia ragione. Una sigaretta dopo l’altra, il tempo passa con incredibile ed indescrivibile lentezza, il pranzo si prolunga molto più del dovuto perché i “banchettanti” sono tantissimi. Per fortuna, infine, giungono tutti i partecipanti (61!) e a noi non rimane altro che sederci fuori, in silenzio, ad aspettare, godendoci un po’ di sole, con in sottofondo i rumori ovattati che provengono dall’interno de La Tana. Il tempo scorre ancora troppo lentamente, il pranzo prosegue e noi non siamo ancora tranquilli … e le espressioni del nostro volto ne sono una chiara testimonianza.
“Non vedo l’ora che il pranzo finisca e che il Torneo abbia inizio … l’attesa mi sta logorando!” è il nostro pensiero, che ormai ha contagiato anche Alex, che sarà uno dei Nove Master.
Succede che finalmente il caffè viene servito e noi invitiamo tutti i giocatori ad uscir fuori, per dar modo ai ragazzi de La Tana di sparecchiare, di pulire e di sistemare i tavoli per la giocata ed al tempo stesso per dar modo a noi di dare le preliminari e brevi istruzioni ai partecipanti circa lo svolgimento del Torneo.
I Master al mio fianco, decine e decine di giocatori di fronte. Attendo che venga fatto silenzio, poi do il benvenuto ufficiale a nome mio e del Monfa. C’è spazio anche per i classici ringraziamenti di rito, per descrivere come si svolgerà la giornata, per illustrare i criteri di valutazione, ecc… Si procede quindi a fare entrare le squadre, in ordine, una alla volta, accompagnate dai rispettivi master in modo che prendano possesso dei tavoli di gioco. Alla fine rimango solo, all’esterno della Tana. Raccolgo le mie cose e mi appresto a raggiungere i miei giocatori, che sono già dentro insieme a tutti gli altri. Le ultime brevissime spiegazioni del caso, poi nella sala si fa silenzio ed inizia la riproduzione audio del preludio: la voce di “Tiziano The Voice”, con un sottofondo musicale perfetto, introduce giocatori e master all’avventura.
E poi si comincia!
Lo stress, le preoccupazioni, la stanchezza, l’ansia lasciano velocemente il posto all’irresistibile voglia di giocare, di immergersi nella storia che io stesso ho scritto, di raccontare ai miei giocatori qualcosa di affascinante e coinvolgente. E, come sempre accade in questi momenti, lascio cadere i panni di organizzatore e vesto quelli del Master.
Il tempo, inevitabilmente, inizia a correre via, come sempre accade quando si sta bene e ci si diverte. Davanti a me ho cinque giocatori abilissimi, che interpretano alla perfezione i ruoli dei rispettivi personaggi. Giocano, recitano, ascoltano, si divertono … o almeno spero che si divertano almeno la metà di quanto mi stia divertendo io. Sono talmente bravi da divenire un tutt’uno con la storia, sembra quasi che la conoscono, che l’abbiano letta prima ancora di giocarla, sono in perfetta sintonia tra di loro e con me e mi pare quasi di conoscerli da una vita. Senza rendercene conto arriviamo all’ora in cui dovremmo concludere, ma quasi nessun gruppo è ancora arrivato alla fine e, dal momento che abbiamo iniziato tardi e che alla Tana non è ancora giunto nessun cliente “estraneo” al Torneo, chiedo ed ottengo il permesso di continuare ancora per un po’ … “un po’” che alla fine risulta esser quasi un’ora. A differenza dello scorso anno, riusciamo tutti (il mio gruppo per ultimo) a concludere l’avventura, con enorme soddisfazione di giocatori, master ed organizzatori. Tutti si riversano all’esterno, tranne i Nove Master che si riuniscono per le valutazioni dei gruppi di gioco. Ognuno di noi esprime sinteticamente le proprie impressioni, assegnando i vari punteggi ai giocatori e alla squadra. Arrivati ad una decisione, finalmente, anche noi usciamo fuori dalla Tana a … “riveder le stelle”.
I giocatori sono quasi tutti li, qualcuno (non molti) è dovuto andar via a causa del tardo orario e di impegni precedentemente presi, ma il 90% dei partecipanti è li fuori che attende i verdetti dei “giudici”. Io e il Monfa “rubiamo” giusto il tempo per ringraziare sinceramente tutti, giocatori, master e locandieri e poi diamo i due annunci: il premio come miglior giocatore va all’incredulo Valentino, da Milano (ma credo originario di Roma, se non ho capito male) mentre il titolo di Campioni del Kings of Crew 2010 va ai Chaos Bearers, davvero bravissimi!
Qualche ulteriore minuto per le foto e poi … l’adrenalina mi abbandona (bastarda!), la concentrazione scema improvvisamente, i nervi si rilassano, il cervello stacca la spina e mi augura la buona notte, i muscoli finalmente liberi di decidere autonomamente mi mandano al diavolo ed io cedo di schianto alla stanchezza più totale. Poca voce, pochissime forze, tantissima fame. Il Monfa è più o meno nelle mie stesse condizioni.
Salutiamo tutti, augurandoci di poterci rivedere alla prossima edizione. Poi con i fedelissimi di sempre si va finalmente in pizzeria, a cena, e li si continua a ridere, scherzare e raccontare aneddoti. Ma il momento del commiato sta per giungere ed un velo di malinconia inizia ad impadronirsi dei cuori di alcuni di noi.
Abbracci e baci con Napo, Alex, Giulio e Carlo.
“Rientrerai a Fiorenzuola stasera o ti fermi a dormire qui e ripartirai domattina?” chiedo ad Alex
“No, parto stasera … dopo due giorni ho voglia di tornare a casa, di stare con mia moglie e mio figlio” e me lo dice mentre guarda da un’altra parte, lontano, senza in realtà vedere quello che lo circonda ma, suppongo, con l’immagine della sua famiglia negli occhi. Gli faccio un gran sorriso e lo abbraccio, a lungo, e lui ricambia con affetto ed amicizia, entrambi visibilmente commossi ed emozionati.
Un abbraccio anche a Napo, conosciuto quasi nove anni or sono, con cui ho condiviso tantissime Jam in terra Marsicana, pranzi, cene, raduni e tutte e cinque le edizioni del KOC! Non servono molte parole tra noi due, basta uno sguardo o poco più.
Chiudiamo la serata tornando alla Tana, per bere un'altra birra prima di andare a nanna: io, Valandur, Elyanna, Maso, Tyrande e Monfa. Trascorriamo un’altra piacevole oretta insieme dopodiché noi romani non possiamo ulteriormente rimandare il momento dei saluti con il Monfa e Maso e così gli ultimi partecipanti al KOC 2010 si dividono … almeno per un po’.
Nei giorni che seguiranno mi renderò conto che questa edizione del Torneo ha lasciato su di me un segno profondo, nell’animo. Una sensazione che non saprei riportare ne a voce ne a parole scritte. Ho provato anche un paio di “timori” (passatemi il termine) dei quali non parlerò e che ho confidato ad una sola persona, ma che ho prontamente allontanato dalla mente perché la prospettiva che possano realizzarsi mi riempie di profonda delusione. Ad ogni modo, per me, il KOC 2010 è stato ricchissimo di emozioni e sentimenti positivi, come mai mi era accaduto in precedenza. E non è (ne è stato) semplice esternare in modo chiaro tutto ciò che provo (e che ho provato). Forse questa volta ho davvero toccato con mano, in maniera "fisica", quella misteriosa e potente "alchimia" di cui abbiamo spesso parlato in tutti questi lunghi anni, quell'"alchimia" che ci ha fatto incontrare e che ci tiene uniti nonostante le distanze e gli impedimenti. Si è rafforzata in me la convinzione che non può essere un semplice caso se nel corso di questi dieci anni (e si, cari miei, sono passato quasi dieci anni da quando il GiRSA crew ha visto la luce) noi tutti, in un modo o nell’altro, alla fine ci siamo conosciuti, siamo entrati in sintonia, in modo quasi empatico, scoprendoci molto vicini e simili, anche (e soprattutto) in quegli aspetti che vanno oltre la passione per i giochi di ruolo e/o per le opere del Prof.
Forse sarò un visionario, magari lavorerò troppo di fantasia (ed essendo un Master questi aspetti sono assai probabili), ma mi piace pensare che siamo Spiriti Affini … e ci credo davvero!

P.S.
Per la cronaca: noi romani, il giorno dopo, sulla via del ritorno verso la Capitale, ci siamo fermati per pranzo al mitico “Paiolo”, a Barberino del Mugello, e li ci siamo concessi la nostra personalissima e tanto agognata … CINGHIALATA! Alla faccia del Maso!

P.P.S.
E’ stato bello, per me, rivedere:
- Mirko … spero che alla prossima edizione tu possa ritrovare quel sorriso che quest’anno, tuo malgrado, non ti ha accompagnato.
- i Chaos Bearers … siete forti ragazzi, davvero forti! E’ stato un vero piacere giocare con voi ed invidio il master che il prossimo anno avrà la fortuna di sedere al vostro tavolo!
- i Lupi Bianchi … sempre presenti e partecipi, abbigliati in tema, disponibili e cordiali, ma ce l’avete qualche difetto?
- Lorenzo (Martino) … grazie per aver partecipato, Vecchio Socio, è stato bello rincontrarti dopo tanti anni!
- il Maso … che te lo dico a fare? Sei un Grande, anzi un Grosso! Sempre presente, due volte campione (2006 e 2009), Master disponibile e preparatissimo. Non so che dire, se non che ti voglio bene!
- il Monfa … Socio, non ho parole; abbiamo creato qualcosa di cui andar fieri e orgogliosi. Lo sappiamo solo io e te cosa comporta realmente organizzare il KOC, ed è meglio così dal momento che vogliamo che gli altri pensino solo a giocare e divertirsi, perché è così che a noi piace!
- Napo … sei la persona con la quale ho condiviso più Jam (tutte), pranzi, cene, incontri, raduni e tornei (tutti) in assoluto. Devo aggiungere altro?
- Alex … beh, il KOC 2010 è stata l’occasione che mi ha permesso di conoscerti meglio (sicuramente di più rispetto alle due precedenti). Sei entusiasta e partecipe. Ti considero, sinceramente, una bellissima persona ed ho notato che c’è stato un briciolo di commozione (da parte di entrambi) al momento dei saluti. Non saprei cosa aggiungere se non che sono felice di averti conosciuto.

E’ stato bello, per me, conoscere di persona:
- Elio (Grimbeorn) … sei in gamba! Nonostante la giovanissima età tu e il tuo gruppo avete trovato un modo per raggiungere Soncino e partecipare, puntuali e fedeli all’impegno preso. Vi siete comportati in modo corretto e l’ho apprezzato. Prometti bene … sempre che tu non decida di prendere come esempio l’Admin.
- Giacomo (Erendur) e tutta “La Compagnia dell’Agnello” … simpaticissimi, entusiasti e partecipi! Avrei voluto avere modo di passare più tempo con voi. Spero sinceramente di ritrovarvi anche alla prossima occasione!

Ai ragazzi di Mantova (“Quelli del martedì sera”) dico: dateci (a me e al Monfa) una seconda possibilità e vi faremo ricredere.

Un ringraziamento particolare a Francesco (Stark), simpatico e disponibile come sempre, e ad Angio dei Lupi Bianchi.

Un saluto a Sganghy (“Usa l’artigliooo …”) e al mitico Danno!

Un grazie a tutti gli altri per aver partecipato.

P.P.P.S.
Mi sembrava di aver dimenticato qualcuno: un grande e sincero ringraziamento va ai ragazzi della Tana, in particolar modo a Rita, che ha seguito fin dall'inizio tutta questa vicenda, collaborando e mettendosi a disposizione. E' a lei che si deve, tra le altre cose, la meravigliosa Locandina. Siete stati molto disponibili e mi auguro che la nostra collaborazione si rinnovi anche in futuro.

P.P.P.P.S.
Dimenticavo: alla fine di tutto un pensiero va alla mia "Ispirazione", che mi ha accompagnato prima, durante e forse anche dopo il Torneo ... grazie.

 

Alessio aka Geko

________________________________________________

Guarda la foto-gallery 2010

2010

________________________________________________

 

Download

L'ombra dell'Est

Le schede di gioco dei personaggi, complete di background, inventario e delle liste d'incantesimi.

La mappa delle regione dov'è ambientata l'avventura.

 

 

 

La manifestazione viene organizzata senza scopo di lucro, ma solo per puro spirito ludico.